giovedì 14 gennaio 2016

La concretezza di Snoopy

Bene, l'anno è iniziato, le feste sono finite, siamo al secondo post del mese ed ecco - questa volta - la mia fonte d'ispirazione: esattamente la vignetta che vedete a lato.

Un bel salto, vero??? 
Da Michelangelo a Snoopy....la cosa può forse destare qualche sconcerto!
Eppure, non avete idea di quale sorridente concretezza mi sappiano comunicare le strisce create - ormai sessantacinque anni fa - da Charles Schulz con i suoi "Peanuts": da Charlie Brown a Linus, da Sally a Lucy, senza dimenticare il mitico Schroeder col suo pianoforte.
Ma è in particolare Snoopy con la sua freschezza, le sue passioni surreali e l'affetto per il piccolo amico Woodstock, a regalarmi una visione della vita che - senza troppe parole - sa condurre a valori essenziali.

Riprende l'anno di lavoro, riprendono i ritmi della quotidianità e Snoopy - tra sogni e realismo, ironia e leggerezza - non solo ci comunica un'onda di sorriso, ma col suo sguardo sa andare al di là del disincanto per regalarci anche una sana attenzione al presente.
Certo, ha un'indole particolarmente fantasiosa e non priva di un pizzico di follìa - e guai se non l'avesse! - ma la sua visione della vita non è campata per aria: il nostro cagnetto ha i piedi per terra. 
Lo vedo e lo leggo in certe constatazioni d'inoppugnabile realismo o in tante altre battute che colgono sempre, garbatamente nel segno.  
Ma amo anche le svariate vignette nelle quali s'identifica nei personaggi dei suoi sogni o dove scrive il suo romanzo in cui la vita è disseminata di delusioni ma al tempo stesso di perseverante speranza.
I pensieri di Snoopy, infatti, sanno dar voce a certi moti dell'anima che, a volte - in un mondo che sembra andare sempre più a catafascio - non sappiamo più esternare, quasi ci si vergognasse di coltivare nel segreto una speranza che vada oltre ogni altra realistica ipotesi. 

Talora, viene forse più immediato identificarsi nei rovelli interiori e nelle insicurezze di Charlie Brown, o nella riflessione esistenziale che leggiamo nella vignetta in alto, sconsolata quanto incontestabile. 
Ma ad essa il piccolo Snoopy contrappone la propria visione positiva delle cose: la vita adesso, come dono, opportunità, ricchezza! E nella sua espressione che la vignetta non mostra, possiamo immaginare anche un guizzo di arguta vivacità! 
Il pensiero del cagnetto, infatti, non è solo una battuta, ma ci riconduce al presente e ci esorta a viverlo in pienezza, assaporando ciò che l'esistenza, giorno per giorno, può offrire: piccole, grandi cose che ci restituiscano leggerezza insieme alla gioia del fare quotidiano.

E termino con Mozart, per la sua trasparenza e insieme per la sua serenità pensosa.
Anche il brano che vi propongo - il primo movimento, "Allegro", della "Sonata per pianoforte in Re maggiore K.576" - è percorso da un'onda di sorriso.
Il tema iniziale presenta infatti un andamento saltellante e giocoso, sottolineato dal tocco della bravissima pianista che del pezzo sa regalarci un'interpretazione di straordinaria leggerezza, capace di farne affiorare tutto il fascino.
Si susseguono poi passaggi di luminosa vivacità ed altri dove si affaccia la tonalità minore con i suoi tratti più malinconici mentre - ancora una volta - il suono si fa mutevole nel cogliere ogni sfumatura del testo, soprattutto in certe alternanze di forte e piano di vero splendore.
E i richiami bachiani presenti nella struttura contrappuntistica del brano, pienamente assimilati da Mozart nel proprio stile, sono resi dalla pianista con energia e al tempo stesso con delicatissima morbidezza.

Buon ascolto!

 

22 commenti:

Silvana Planeta ha detto...

Sottoscrivo in pieno ogni singola parola! Quanti ricordi legati a Snoopy & co. e alla sua ironia dissacratoria... Grazie, tesoro!

Rita B ha detto...

Ciao Annamaria, le prima vignetta è favolosa, il senso della vita,come tu stessa scrivi, è viverla nella sua pienezza apprezzandola giorno per giorno!
Un forte abbraccio!

egle eglissima ha detto...

Quanta allegria in questo gioioso pezzo di Mozart. Riporta proprio allo spirito profondo e leggero insieme dei Peanuts. Quanti ricordi! Ne ho ancora qualche copia in inglese. Dato che siamo in tema di inizio anno, riporto in inglese un pensiero di Snoopy, sdraiato sul tetto della sua cuccia:"Another complete year gone by, and what have I accomplished this year that I haven't accomplished every other year?".

Bye- bye dear Annamaria.

amicusplato ha detto...

Spassose e fulminanti le battute di Snoopy, un vero campione di sano realismo positivo, come hai brillantemente illustrato, carissima Annamaria ;-)
In questo senso la Sonata di Mozart è quanto mai opportuna :-)
Certo, Schroeder avrà qualcosa da dire, lui che ama perdutamente Beethoven... ;-)

Un grande abbraccio ;-)

Annamaria ha detto...

Oh sì, cara Silvana, quanti ricordi legati a Snoopy e a tutti i suoi amici!!!
Grazie a te e un abbraccione di buona serata!

Annamaria ha detto...

Oh cara Rita, sono contenta che la prima vignetta ti piaccia tanto, è favolosa davvero. In effetti tutto è partito da lì e pensavo di pubblicare quella sola....poi mi sono lasciata prendere la mano!
Ti abbraccio anch'io con affetto!!!

Annamaria ha detto...

Sì, cara Egle, ricordo anch'io la vignetta di cui parli e la domanda del nostro Snoopy, proprio in tema d'inizio d'anno.
Felice che la scelta di Mozart ti sia piaciuta!
Un abbraccio di buona serata e grazie di tutto!!!

Annamaria ha detto...

Antonio, ma lo sai che, in un primo tempo, mi ero posta il problema se mettere Beethoven o no proprio per Schroeder?
Poi ho scelto Mozart perchè mi pareva più adatto e la scoperta di questa Sonata, interpretata in modo così incantevole, mi ha convinto.
Spero che Schroeder non si sia offeso....
Abbracci di buona serata!!!

Krilù ha detto...

Un vero saggio, il nostro piccolo Snoopy, con la sua divertente ironia.
Molto godibile la Sonata di Mozart che ci hai regalato.
Un abbraccio.

Mariella ha detto...

I peanuts hanno sempre fatto parte della mia vita. Quest'anno anche la mia moleskine li celebra. Quindi sono tutto il giorno con me.
Mi hanno spesso regalato ironia, spensieratezza e profondità. Oltre il personaggio, oltre il cartone animato.
Vado ad ascoltare la sonata che hai abbinato a loro.
Un abbraccio Annamaria.

Stefyp. ha detto...

Un po' di sana e spassosa ironia. Quante volte ci ha fatto sorridere questo cagnetto, quante volte ci siamo appassionati alle sue avventure... Snoopy ha giusto quella dose di leggerezza, quell'anima fanciullesca che allarga il cuore! E mi sembra appropriata anche la scelta della Sonata di Mozart, stupenda interpretazione, che ben si armonizza con lo spirito gioioso di queste vignette brillantemente illustrate da te.
Un abbraccio Annamaria, Stefania

Annamaria ha detto...

Carissima Krilù, grazie!!!
Sì, le battute di Snoopy, con la loro ironia, colgono spesso nel segno e nello stesso tempo ci regalano un gran senso di positività!
Ti abbraccio forte!!!

Annamaria ha detto...

Ormai, cara Mariella, avrai già ascoltato la Sonata e immagino che Mozart non ti abbia deluso.
Grazie del tuo commento: sì, i "Peanuts" sono una parte della nostra vita...
Un grande abbraccio a te!!!

Annamaria ha detto...

Vero, cara Stefania, che l'interpretazione di Mozart è stupenda? L'ho preferita a quella di altri pianisti più famosi e mi pare che davvero si armonizzi bene anche con la leggerezza di Snoopy.
Grazie e un abbraccio di buon pomeriggio!!!

Ambra ha detto...

Il grande successo di Snoopy è incontestabilmente proprio dovuto alla leggerezza e all'ironia con cui riesce a interpretare pensieri e timori nascosti nel profondo di noi. Il brio di Mozart accompagna perfettamente le idee e le affermazioni del nostro Snoopy.

Annamaria ha detto...

I "Peanuts", cara Ambra, sono proprio una lente attraverso la quale vediamo tante cose - come hai detto giustamente tu - nel profondo, e nello stesso tempo con un sorriso che ci aiuta da un lato a smitizzare noi stessi, e dall'altro a coltivare i sogni.
Grazie e un abbraccio col brio di Mozart!!!

Sandra M. ha detto...

Ma com'è che condivido in pieno , e sempre, tutto ciò che scrivi e posti?!
Grazie per gli auguri da me, cara Annamaria.
Scusa il ritardo ma con la rete non ho buoni rapporti ultimamente :) c'è da addormentarsi davanti al video.
Un abbraccio virtuale e a presto.

Annamaria ha detto...

Carissima Sandra, che gioia e ancora che gioia per questa nostra sintonia!!! Ti ringrazio di tutto e non preoccuparti: so che significa avere una connessione web lenta...
Ti mando un abbraccione !!!!!

Nella Crosiglia ha detto...

Io adoro con tutta me stessa i peanuts, Snoopy è una fonte di sapienza e filosofia, che non possiamo immaginare..Splendido in queste sue strisce e vero ..quanto è vero..
Io aggiungo sempre le stripes quando scrivo, mi fanno riflettere e nello stesso tempo mi rilassano. La musica è adattissima a quello che hai scritto mia cara.
Proviamo a chiederlo a Snoopy, approverebbe con assoluta certezza!
Ti stringo forte

Annamaria ha detto...

Lo so bene, cara NELLA, che adori i peanuts, perchè li vedo comparire qua e là nel tuo blog!!! A me, Snoopy in particolare comunica una freschezza incredibile, nella sua verità e nella sua luminosa leggerezza.
Ti abbraccio forte e ti ringrazio!!!

Patalice ha detto...

io adoro il mondo di Snoopy, è stato il Paparotto a farmelo scoprire, ed è stato un piacevolissimo incontro quand'ero anche solo una bimbetta...

Annamaria ha detto...

Benvenuta qui, cara Patalice!!!
Condivido in pieno: certe scoperte o certi incontro fatti durante l'infanzia restano a lungo, talora sono le passioni più vere.
Grazie di essere passata di qui e buon pomeriggio!!!