lunedì 28 novembre 2016

Geografie senza confini....

"Non esiste nulla che renda il mondo tanto grande come avere amici lontani: sono loro che disegnano le latitudini e le longitudini".

Per parlare dell'ultimo incontro blogger che si è tenuto ieri a Milano, prendo a prestito questa bella frase di H.D.Thoreau, suggeritami dalla giovanissima amica Chiara del sito "Vasetto di Margherite" nel commento ad uno dei miei ultimi post.

Sì, sono proprio gli amici a fare del mondo non un deserto anonimo, ma un tessuto vivo e ricco di relazioni, un luogo in cui è possibile annullare le distanze.
E' ciò che ancora una volta abbiamo sperimentato rivedendoci e andando - prima di tutto - a rendere omaggio alla nostra amica Ambra, scomparsa lo scorso ottobre e da anni infaticabile animatrice di tanti raduni blogger.

Abbiamo voluto con forza e convinzione questo incontro, a cominciare da Erika, Sandra e poi tutti, sia per rispettare i programmi che Ambra aveva già tracciato, sia per consolidare amicizie che camminano ormai da sole al di là dei rispettivi blog e della geografia che talora ci avvicina, ma spesso anche ci allontana.
La geografia, appunto. Osservavo ieri che - tra amici vecchi e nuovi - a dispetto di nebbie e disguidi tecnici, siamo arrivati a Milano praticamente da tutta Italia: da nord a sud, dalle Alpi al mare, da Bari, Roma, Modena, Verona, Aosta e poi sempre Milano insieme ad altre località del nord.

Ma ci sono geografie che oltrepassano mari, montagne e città, ed esistono latitudini e longitudini del cuore che disegnano mondi senza confini, dove chi non è più con noi in realtà non è assente ma ci sorride - per così dire - dalla stanza accanto, più vivo che mai.
Così, quello per Ambra non è stato solo un ricordo, ma il senso di una presenza, come se ci accompagnasse in giro per la sua Milano e potessimo coglierne - di tanto in tanto - il sorriso e l'arguzia, l'accoglienza e il garbo, quasi ci prendesse per mano per unirsi ancora una volta alla nostra brigatella un po' chiassosa.

Per questo oggi ho scelto di pubblicare un brano che ha radici lontane, come se anche i tre compositori che vi sono coinvolti si fossero presi per mano, al di là della geografia e del tempo in cui sono vissuti.
Si tratta di un pezzo della "Suite orchestrale n.4 op.61" conosciuta come "Mozartiana" di Piotr Ilic Tchaikovsky.  
L'appellativo deriva dal fatto che, nei quattro movimenti di cui essa si compone, il musicista russo prende spunto da altrettante creazioni di Mozart - tra l'altro anche dal famosissimo "Ave verum" - per ricrearne l'atmosfera alla luce di un ampio organico orchestrale.  
Il brano che vi propongo, la "Variazione n.9 - Adagio", è tratto dall'ultimo tempo della Suite e fa riferimento alle dieci "Variazioni per pianoforte K.455"  scritte da Mozart su di un tema di Gluck. 
Un filo rosso musicale, quindi, che ha origine da un'aria dell'opera "La rencontre imprévue" di Gluck, passa poi a Mozart con un pezzo per pianoforte, per approdare infine a Tchaikovsky che ne fa una rielaborazione per orchestra.

Devo confessare però che, prima di pubblicare il brano, ho avuto qualche perplessità, perchè non ero del tutto sicura che fosse adatto all'incontro di ieri, segnato certo da nostalgia per la nostra amica, ma anche da tanta gioia di vederci e condividere un piacevolissimo momento conviviale. 
Tuttavia, poi mi sono decisa perchè mi pare che questa musica, nel suo tono intensamente meditativo, sappia parlare più di tanti discorsi.
Il suono acutissimo e struggente del violino voce, infatti, a quell'iceberg sommerso che ciascuno di noi a volte porta in sè, a quel magma di sentimenti talora difficile da esternare, fatto di ricordi, interrogativi, affetti e nostalgie, che si risveglia ogniqualvolta una persona amica se ne va.
Una musica che può aiutarci a prolungare il nostro breve silenzio di ieri, davanti alla terra in cui il corpo di Ambra riposa. 

Buon ascolto!

22 commenti:

Nella Crosiglia ha detto...

Come sempre ricordo delicato e soave come la tua anima Annamaria mia, dove il ricordo di Ambra mi arriva così vicino come l'avessi sempre vista e conosciuta. La persona che pur vedendomi nel virtuale mi invitava sempre da lei...ma perchè almeno una volta non ho detto si, una sola volta...
La vita è anche questa perdi le occasioni o le vuoi perdere e le vedi passare davanti a te come i vagoni del treno...
Immagino la gioia degli incotri e la nostalgia mista al dolore delle assenze.
Ti stringo da stritolo dolcissima amica mia

Rita B ha detto...

Ciao Annamaria!Non sono piu'su blogger ma ogni tanto passo a leggervi!
Nel tuo racconto del vostro incontro c'è il tuo sorriso aperto e affettuoso, un abbraccio vero e proprio ad Ambra e si avverte la sua presenza!Questo miscuglio di sentimenti che ci trasmetti mi ha commosso! Con affetto un grosso bacio, sperando di incontrarci in altre prossime occasioni!

Sandra M. ha detto...

Sei tanto cara. Grazie di tutto.

ReAnto R ha detto...

5 minuti forse 10 son stato , ma non lo dimenticherò per tutta la vita , Ciao

Stefyp. ha detto...

Brano molto bello, cara Annmaria: nostalgico, struggente. Esprime, comunica molto bene il tuo stato d'animo...le sensazioni...le emozioni, credo anche, di tutti noi che eravamo lì. In effetti aldilà della nostra gioia chiassosa, domenica, il pensiero, il ricordo, la presenza di Ambra l'abbiamo sentita, eccome, viva e forte nel fondo di ognuno di noi, con sentimenti contrastanti e latenti spesso difficili da decifrare.
Un forte abbraccio a te!! Stefania

Annamaria ha detto...

Cara NELLA, dici proprio bene quando affermi con rammarico che talora si perdono le occasioni che ci passano davanti. Anch'io avrei voluto approfondire la mia conoscenza con Ambra e talora non l'ho fatto più di tanto forse per discrezione.
Mi resta comunque di lei anche la percezione di una persona straordinariamente forte e la sua forza è viva e ci aiuta!!!
Ti abbraccio e ti ringrazio di cuore delle tue parole e del tuo affetto!!!

Annamaria ha detto...

Cara Rita, mi spiace di non leggerti più, ma resti sempre dei nostri e fai sempre parte di questo salottino virtuale, proprio come diceva Ambra.
Grazie del tuo commento e un abbraccio di cuore, nella speranza di poterci conoscere dal vivo nelle prossime occasioni!!!

Annamaria ha detto...

Anche tu sei molto cara, Sandra, e nel segno di Ambra e del suo sorriso ci abbracceremo ancora forte in tanti futuri incontri, proprio come abbiamo fatto domenica scorsa!!!
Grazie!!!

Annamaria ha detto...

Benvebuto, ReAnto R, e grazie di essere passato - anche per poco - tra noi a ricordare la nostra amica Ambra!!!
Ciao!!!

Annamaria ha detto...

Cara Stefania, domenica è stato bello così, con una giornata segnata anche dalla gioia e da una grande armonia tra tutti. E come ha scritto la Cri commentando un altro blog, Ambra ci ha aiutato a celebrare la vita e il calore che ci lega.
Poi - come hai scritto tu - ci sono sentimenti spesso latenti, contrastanti e difficili da decifrare. E, a mio avviso, la musica ci aiuta a far emergere il non detto parlando per noi.
Grazie e un abbraccio!!!

Luigi ha detto...

ascoltando questo brano ho pensato che non potevi trovare musica migliore come colonna sonora della nostra passeggiata sui Navigli!!!
Grazie di tutto

Stefano ha detto...

Tutto bello, post e musica, come sempre.
Ciao cara amica Annamaria e grazie del tuo utile dono
Stefano G.

EriKa Napoletano ha detto...

Carissima Annamaria, non avresti potuto scrivere parole più belle sull'amicizia e sulla nostra cara amica Ambra. Ambra era una persona veramente speciale e ricordo che un giorno le dissi che ero stata veramente fortunata a conoscerla. Splendido anche il brano che hai scelto.
Un forte abbraccio a tutti.

Annamaria ha detto...

Ciao Luigi, sono contenta che questa musica ti piaccia. In effetti è profondamente espressiva: per un po' è molto struggente, ma alla fine diventa anche un po'giocosa e ci rasserena!
Grazie a te!!!

Annamaria ha detto...

Ma grazie del tuo bel post, caro Stefano, sempre puntuale e precisissimo!!!
Un abbraccio e a presto!!!

Annamaria ha detto...

Sì, EriKa, Ambra aveva anche una forza d'animo speciale, un'energia interiore straordinaria e averla conosciuta è stato davvero un privilegio.
Ti abbraccio forte e ti rongrazio ancora di tutto!!!

Arwen Elfa ha detto...

Gran bel post Annamaria ed adattissima la frase che hai scelto .....
L'amicizia a volte si trova in posti che non avresti pensato ..... e sicuramente - Sono proprio gli amici a fare della vita qualche cosa degna di essere vissuto e sono le esperienze vissute in comune con gli amici che rendono bella la vita - allegra e felice per un pochettino almeno.
Ci sono persone come Ambra (anche se la ho conosciuta meno di voi) che hanno una forza interiore molto forte ed un'equilibrio ed una gentilezza innata
Un abbraccio forte buona serata e settimana

Annamaria ha detto...

Un abbraccio a te cara Elfa, è stato un piacere conoscerti e, grazie alla tua sensibilità, siamo entrati subito in sintonia. Sì, gli amici ci danno la carica per reggere anche i momenti meno sereni...
Un grande abbraccio di buona giornata!!!

Pia ha detto...

Sempre molto belli questi vostri incontri e troppo speciale è stato il tuo modo di raccontarcelo.
Grazie anche ad Ambra che porterò sempre con me nei miei ricordi.
Abbraccio grande Annamaria, ciao.

Annamaria ha detto...

Sì, cara Pia, Ambra ha lasciato a tutti coloro che l'hanno conosciuta, anche solo sul web, un ricordo indelebile.
Grazie di essere passata di qui, un abbraccio grande!!!


RobbyRoby ha detto...

ciao un grande ricordo per Ambra.

Annamaria ha detto...

Bentornata qui, cara Robby, e grazie di questo tuo ricordo per la nostra comune amica blogger!!!