lunedì 18 maggio 2015

Maggio veronese

E' stata Verona, città ricca di storia, arte, musica e cornice di una delle più struggenti vicende d'amore di ogni tempo, ad accogliere il tradizionale incontro blogger di primavera che ha visto riunita l'ormai consolidata brigatella di amici, più qualche graditissima new entry.

Il piccolo raduno - già iniziato al sabato per chi poteva con visita alla città e cena - ha avuto il suo clou la domenica con passeggiata (lunga) al mattino, pranzo sontuoso e passeggiata (più breve...) al pomeriggio, il tutto inframmezzato da un gran fervore di conversazioni e qualche risata. 
Un copione ormai consueto - ma non per questo meno piacevole - e arricchito da una sempre più intensa gioia di ritrovarsi, insieme a un pensiero per gli amici che stavolta non hanno potuto essere presenti ai quali diamo appuntamento per il prossimo autunno.
L'itinerario non ha preso in considerazione solo le mete tradizionali come l'Arena, Piazza delle Erbe o Piazza del Signori; non solo il centro storico e il ponte di Castelvecchio, ma....vedete il panorama della foto a lato ??? Splendido vero???
E' qui che, in qualità di padrone di casa, ci ha condotto Luigi del blog "luce sepolta". 
Attraverso un percorso pensato con certosina precisione di tempi, ci ha portato infatti alla scoperta della Verona più affascinante, fatta non solo dei luoghi più frequentati e famosi, ma anche degli angoli più riposti nel verde, tra fioriture di rose e profumatissimi gelsomini. 
Una passeggiata incantevole che, complice la bella giornata, ci ha condotto alla collina di Castel San Pietro, itinerario del quale Luigi ha scandito il percorso - e le rampe di scale - come fosse un bravo insegnante che, con pacata autorevolezza, sa portarsi dietro tutti, compresi gli allievi più recalcitranti (e per questa volta non faccio nomi!...).
  
Ma anche nel pomeriggio, é stato bello andare alla scoperta di angoli della città decisamente suggestivi: stradette tranquille, cortili pieni di silenzio e palazzi di antica signorilità dalle facciate dipinte e dalle finestre goticheggianti: una meraviglia!!!
Davvero quindi un incontro all'insegna dello splendore delle cose viste, dello star bene inseme e di quella condivisione sempre più profonda che consente di parlarsi a cuore aperto nel segno della vera amicizia.
E sul treno di ritorno, riguardando il badge che - come sempre, nella sua perfetta organizzazione - Ambra aveva puntualmente preparato per ogni blogger partecipante, mi sono ritrovata piena di gratitudine per il sorriso e la schietta cordialità di ciascuno.
  
Allora, proprio sull'onda di questa gratitudine, vi regalo un brano di musica nella speranza che vi piaccia.
Trattandosi di Verona, ero tentata di postare un pezzo dal "Romeo e Giulietta" di Prokofiev o da "I Capuleti e i Montecchi" di Bellini. Tuttavia, le musiche mi sono parse intrise di una malinconia e talora di una drammaticità non proprio in sintonia con la gioia e la piacevolezza del nostro incontro.
Allora ho optato per il brano che segue che, pur essendo pervaso da intenso romanticismo, ha la leggerezza gioiosa di una danza.
Si tratta del "Valzer in do diesis minore op.64 n.2" di Chopin che forse molti ricorderanno anche di aver suonato, ma che qui riporto non nella versione per pianoforte solo, ma in quella orchestrale predisposta in seguito da Alexander Glazunov per il balletto "Le silfidi".  
Trovo che questa versione esalti la ricchezza e la varietà di temi del brano: ogni singolo strumento infatti si fa voce particolare che ne sottolinea ora il ritmo, ora la delicatezza romantica, in un movimento che, pur nella soavità melodiosa del suono, va facendosi sempre più trascinante.

Un valzer che mi richiama alla mente l'immagine forse più dolce che mi ha lasciato la giornata veronese: Anna del blog "GLI ULTIMI"  che improvvisa un passo di danza insieme al figlio Michele: un'immagine di libertà e respiro, di levità e gioiosa leggerezza.

GRAZIE e buon ascolto!

28 commenti:

Costantino ha detto...

anche se le mie "non pefette" condizioni di salute mi hanno acconsentito solo una partecipazione breve, ringrazio te e tutti quanti i partecipanti.
Un grazie speciale a Luigi, perfetto "padrone di casa", e ad Ambra, perchè senza il suo impegno e la sua competente determinazione questi incontri probabilmente non si svolgerebbero.

Stefano ha detto...

Bellissima giornata trascorsa insieme! La corsa verso la stazione mi ha fatto smaltire l'abbondante pranzo.
Ciao Annamaria

Annamaria ha detto...

Mi è spiaciuto per te, caro Costantino, che la tua presenza sia stata così breve e fuggevole. Ma hai perfettamente ragione: Luigi è stato un perfetto padrone di casa e tra l'altro ti sei perso una splendida passeggata....
Quanto ad Ambra, hai detto bene: questi incontri sono possibili proprio grazie al suo "impegno e dalla sua competente determinazione.
Spero che tu stia meglio. Grazie te di tutto!!!

Annamaria ha detto...

Oh Stefano, ti ho fatto correre, lo so....Ma tra una cosa e l'altra, sono arrivata in stazione giusto pochi minuti prima del treno. E' andata bene così!
Grazie ancora!!!

Ambra ha detto...

Qualche nota leggermente maliziosa (a buon intenditor ...) ha reso il tuo post divertente oltre che scritto, al solito, con grande maestria.
Mi hai strappato un sorriso ricordando già con nostalgia dei momenti irripetibili.

EriKa Napoletano ha detto...

Stupendo il tuo post e condivido il giudizio espresso da Ambra.
Anch'io sono stata felicissima di rivederti, cara Annamria. Ormai , anche se abito molto lontano, non posso più fare a meno di incontrarvi.
Un forte abbraccio.
Erika

Luigi ha detto...

grazie di cuore Annamaria: per la tua sempre delicata e discreta sensibilità umana ed artistica!!!
Hai usato parole dolci ed efficaci per descrivere la nostra passeggiata sulle colline di Verona, che ci ha riservato molte gioie e qualche sofferenza: ma è legge di natura che tutte le cose belle richiedano un minimo di sacrificio!!!
Un abbraccio forte

Annamaria ha detto...

Ah ah....Ambra, si legge fra le righe qualche piccolo riferimento???....
Scherzi a parte, è stata una giornata straordinariamente rasserenante per tanti motivi. E mi sento piena di gratitudine per tutti voi.

Annamaria ha detto...

EriKa, tu sei un favola: la più lontana geograficamente e la più dinamica!!! Ti ho rivisto con immensa gioia. A presto e grazie di tutto!!!

Annamaria ha detto...

Grazie a te, Luigi, che hai sapientemente organizzato la giornata dandoci la possibilità di ristorare il corpo e lo spirito attraverso la condivisione di tanta bellezza!
Ti abbraccio anch'io!!!

anna ha detto...

Fino all'ultimo momento prima di partire da casa non sapevo se sarei riuscita a " raggiungervi" !
Soprattutto non sapevo quanto sarei riuscita a rimanere...
Non so se sia stato il cielo sopra Verona ma mi sono sentita subito a mio agio come se vi avessi sempre conosciuti.
Se EMPATIA C'è STATA NON MI è MAI CAPITATO DI VIVERLA CON PIU' PERSONE ! e di sentirmi in armonia con le stesse in tempi brevi.
Da tanto non mettevo piede nel centro storico e,addirittura danzare al ritmo del valzer ( UN DUE TRE, UN DUE TRE ) SOTTO UN ALBERO SECOLARE! e' stato un sogno?
gazie

Annamaria ha detto...

Grazie a te, carissima Anna, che ci hai regalato il tuo sorriso, la tua gioia e ci hai fatto conoscere Gigi e Michele!!!
Sì, c'e stata davvero un'immediata empatia e IL SOGNO DEVE CONTINUARE!!!
A presto!!!

Cri ha detto...

Il sogno continuerà, perché "siamo fatti anche noi della materia di cui son fatti i sogni", come dice Prospero alla fine de La Tempesta (come si fa, pensando all'incantevole bellezza di Verona, a non associarvi echi shakespeariani? Anche se la tua scelta delle Silfidi è in sintonia con l'atmosfera persino più del Bardo...).
Siamo fatti della materia di cui sono fatti i sogni, e anche di musica. L'immagine di Anna che danza davvero come una farfalla resterà impressa in tutti i nostri cuori: ma mi piace pensare che la sua danza sia stata stimolata dalla musica sinfonica dell'orchestra dei nostri strumenti affiatati. Ciascuno di noi, col suo carattere, la sua esperienza di vita, le sue peculiarità, dà al nostro gruppo un apporto essenziale per l'insieme armonioso che ne deriva. Quando si ha il privilegio di far parte di un ensemble così si ha la fortuna di vivere momenti di puro, assoluto benessere. Grazie a te, cara Annamaria, grazie a tutti voi! E a presto.

Annamaria ha detto...

Bella, bellissima, cara Cri, compagna di monellerie, l'immagine dell'orchestra fatta da ciascuno di noi, col suo carattere, la sua esperienza e le sue peculiarità a formare un ensemble ricco di armonia.
E centratissima la tua citazione shakespeariana.
Grazie di tutto cuore!!!

Stefyp. ha detto...

Ma che bella compagnia... non ero tra di voi, ma ho potuto, leggendovi assaporare un po' dell'atmosfera allegra e gioisa del vostro incontro. Verona l'ho visitata un po' di anni fa e mi è piaciuta molto, naturalmente non avevo una guida come la vostra e la mia è stata la classica visita turistica dei luoghi più conosciuti.
Ottima scelta del brano proposto come sempre, ben si accompagna al tutto. Grazie e un caro saluto, Stefania

egle eglissima ha detto...

Grande Chopin! Ben accompagna il tuo bel racconto della giornata a Verona.
Un abbraccio.
egle

Annamaria ha detto...

Cara Stefania, la prossima volta, se lo vorrai, potrai certo essere dei nostri! Ci siamo visti con amici blogger anche di Bari e di Roma e quando c'è l'amicizia le distanze non sono un problema.
Mi auguro proprio di vederti al prossimo appuntamento.
Grazie e un abbraccio!

Annamaria ha detto...

Sì, cara Egle, bellissima giornata in tutti i sensi, gioiosa e leggera com un valzer.
Grazie e un abbraccio a te!!!

Stefano Davanzo ha detto...

Eccomi qui, anch'io per un saluto e un grazie per il bel tempo passato insieme.
un abbraccio
Stefano

Gianna Ferri ha detto...

Cara Annamaria, hai descritto talmente bene l'incontro dei blogger a Verona, che mi è parso di essere presente anch'io.

Annamaria ha detto...

Grazie a te, Stefano, per la compagnia, il bel tempo passato insieme e le splendide foto che ho visto su facebook frutto dei tuoi numerosi "agguati"....E immagino che quelle che pubblicherai su dropbox saranno ancora più belle e interessanti.
Un abbraccio!

Annamaria ha detto...

Cara Gianna grazie!!! Ricordo come fosse ieri la gioia di quel primo incontro blogger a Bologna in cui ci siamo conosciute!!!
Un abbraccio di buona giornata!!!

Stefano Davanzo ha detto...

Ciao Annamaria
Hai ricevuto il link per le foto in dropbox?
Buona settimana
Ste

Annamaria ha detto...

No, Stefano, finora non mi e` arrivato nulla e in effetti mi pareva strano data la tua consueta sollecitudine. E comunque grazie in anticipo di quello che manderai.
Ciao!!!!

Stefano Davanzo ha detto...

Sorry, ti mando subito mail con il link
Imperdonabile errore
Ciao
Stefano

Annamaria ha detto...

Ora ho ricevuto tutto, Stefano!!! Mille grazie anche da qui e un abbraccione!!!!

Nausica ha detto...

cara Annamaria grazie davvero per le belle immagini e descrizioni che riguardano Verona, la mia amata città in cui sono nata e vissuta nella prima giovinezza, e dulcis in fundo non potevano mancare le note di Chopin in un valzer delicato e vibrante!
Lisa

Annamaria ha detto...

Grazie a te, cara Lisa, di aver esplorato il mio piccolo blog....Sono felice che ciò che hai trovato ti abbia colpito positivamente, in immagini e musica!
Un abbraccio di buona settimana!!!