martedì 31 dicembre 2013

Dicembre: incanto di una notte stellata.

Arrivata ormai a fine anno, dovendo scegliere fra i tanti il dipinto con cui concludere il mese di dicembre, sono stata colta dai dubbi. 
Ancora un'immagine a tema natalizio? Mah...l'ho già pubblicata l'altro giorno; o una rappresentazione dell'inverno con la neve, sempre piena di calore...o magari un quadretto naif ? Sì certo, però non tutte le opere mi convincono e non posso postare un dipinto qualsiasi solo perchè "è bello": ciò che condivido qui deve provocarmi dentro uno scatto, una scintilla, altrimenti non vale.

Poi, mi è tornata sott'occhio la "Natività di Gesù" che vedete, opera di uno dei miei antichi amori, Gentile da Fabriano (1370 - 1427), e subito sono stata presa dalla suggestione intensissima di quel cielo stellato, lassù, che sembra ricoprire tutto il quadro come un manto, ricolmandoci di stupore. 
Così, mi sono detta che non potevo non postare una tale meraviglia e, abbandonata ogni incertezza, sono ritornata al tema natalizio.

E' un'atmosfera intima, familiare e insieme un po' fiabesca quella che il dipinto - conservato a Firenze, agli Uffizi - ci presenta: è la fiaba del Gotico internazionale di cui Gentile da Fabriano è in Italia il massimo esponente.


Il dipinto è parte della predella della "Pala Strozzi" che raffigura la più famosa e celebrata "Adorazione dei Magi" - riportata a lato - nella quale si respira il clima fastoso tipico di una società cortese, e la tavola è ricca di un prezioso decorativismo che non ritroviamo nella "Natività".
Qui, al contrario - forse anche perchè si tratta di una predella - è una semplicità quasi spoglia la cifra che caratterizza il dipinto, sia nei panneggi che nelle architetture, insieme ad un alternarsi di luce ed ombra che crea spazi e suggestioni. Ma ciò che, a mio avviso, conferisce all'opera grande fascino è la sua ambientazione notturna.

Quando ancora la Storia dell'Arte nella scuola italiana aveva un suo spazio e non era mortificata da una politica scolastica gretta come accade oggi - eh sì, una volta tanto permettetemi una punta di polemica! - sui testi si studiava che, tradizionalmente, il primo "notturno" dell'arte italiana era considerato il "Sogno di Costantino" di Piero della Francesca, inserito nel ciclo di affreschi della Chiesa di S.Francesco ad Arezzo.
Oggi, accurati restauri hanno rivelato che, più che una notte, quella in cui s'inquadra l'episodio è un'alba. Ma a parte questo, l'opera vanta giustamente tale fama perchè si tratta del primo tentativo di dare del cielo notturno una visione realistica e non stereotipata come per il passato. 

Tuttavia, a mio avviso, sono degne di interesse anche diverse "Natività" del periodo medioevale nelle quali gli autori hanno tentato una rappresentazione del cielo notturno. Sono opere appartenenti alla fase di transizione tra la prima arte gotica - quando nelle tavole pittoriche imperava ancora il fondo oro - e il Rinascimento, nel quale diverse Natività saranno poi ambientate in una cornice realistica, anche se talora addirittura in pieno giorno.
Diversi sono stati i pittori di questa fase di transizione, ma un cielo stellato incantevole come quello dipinto da Gentile da Fabriano penso sia raro.

E' la luce - dicevo - che scandisce spazi e ombre, capanne e grotte in un susseguirsi di vuoti e di pieni, posandosi più vivida su Giuseppe che - come sempre in disparte - dorme o sogna o medita, lui che dell'evento del Natale è testimone e custode. 
E' una luce di origine divina che s'irradia dal Bambino e dal quel meraviglioso angelo che, in alto, dà l'annunzio ai pastori, mentre una miriade di stelle illumina il blu profondo della notte. Ed è il blu di una notte reale, non un cielo stereotipato, ma un cielo visto davvero, di un blu cobalto come capita a volte di osservare in certe serene notti invernali, quando la volta stellata ci riempie del suo fascino di sogno.

Da tutta la scena spira un'aura di stupore che ci riporta in modo significativo e pure pacatissimo al mistero e all'incanto del Natale. 
E c'è una muta dolcezza che accomuna i vari personaggi: dalla Vergine un po' meno intensamente illuminata rispetto agli altri e assorta nel suo manto di adorante umiltà, alle due semplicissime figure a sinistra. 
Ma tenero anche il protendersi dell'asino verso il Bambino in un atteggiamento di attenzione quasi umana.

E a commento di queste immagini, un brano di Antonio Vivaldi (1678 - 1741) : il "Largo" dal "Concerto in la minore per flauto ed archi RV 108", nel quale il particolare timbro del flauto dolce sembra risuonare come una lieve ninna-nanna e può aiutarci a entrare meglio nella contemplazione del dipinto.
Un modo pacato e rasserenante per avviarci - nel nome della bellezza - alla conclusione di quest'anno e verso il nuovo.

Buon ascolto e Buon Anno a tutti !

16 commenti:

Gianna Ferri ha detto...

Felice Anno Nuovo, Annamaria.

IlCalesse ha detto...

A te ,carissima Annamaria,
tanti auguri, per un 2014 pieno di felicità!
Buon anno!
Ciao
Luci@

Carmine Volpe ha detto...

tanti auguri di buon anno 2014

Annamaria ha detto...

Anche a te, carissima Gianna!

Annamaria ha detto...

Buon Anno a te, Lucia, con tanto affetto!

Annamaria ha detto...

Grazie, Carmine! Auguro anche a te un 2014 ricco di serenità!

Anonimo ha detto...

Annamaria ti auguro un felice 2014 in cui realizzare ciò che maggiormente desideri. Grazia

Annamaria ha detto...

Grazia, ricambio con affetto i tuoi bellissimi auguri.
A presto!

Nella Crosiglia ha detto...

Non conoscevo questo pittore, ma dopo le tue bellissime decrizioni passo passo per rivelarne tutti i più dettagliati segreti, trovo il tutto magnifico...
Quella coltre di stelle che ci avvolge è magnifica, così come la stanchezza di Giuseppe, la riservatezza di Maria, la complicità dell'asinello, la curiosità degli astanti e lo splendore del bambino...
Chapeau amica mia cara, strabacio!

Annamaria ha detto...

Abbraccione a te, carissima NELLA e grazie!!! La dolcezza delle immagini di Gentile da Fabriano ti accompagni nel nuovo anno e possa esserti di conforto!!!

Ambra ha detto...

Una magnifica carrellata di stili e modi diversi di interpretare "l'incanto di una notte stellata" presentati con ricchezza di espressioni, come tua abitudine colta.
Grazie Annamaria della tua amicizia, ti auguro e mi auguro che questa continui non solo nell'anno appena iniziato ma per molti anni ancora.

Cri ha detto...

Tu non sei solo una donna colta e amante dell'arte e del bello: sei una donna con un dono particolare, unico. Sei un'Artista, Annamaria, con la A maiuscola. Uno degli incontri che hanno arricchito il mio 2013. Spero anch'io, come la carissima Ambra qua sopra, di continuare questa preziosa amicizia - virtuale e, spero, irrobustita da nuovi gradevolissimi incontri nella realtà - con te. Buon anno, Annamaria, auguri, auguri, auguri di ogni bene :)

Annamaria ha detto...

Ambra, sono io che ringrazio te e per la tua presenza qui - ci fosse l'Oscar per il lettore fedele, tu saresti la prima a meritarlo! - e per quanto del tuo cuore e della tua grande sensibilità hai sempre dato e condiviso.
E certo mi auguro anch'io che la nostra amicizia possa durare lunghissimi anni!!!
Un fortissimo abbraccio di Buon Anno!

Annamaria ha detto...

Dolce Cri, grazie delle tue bellissime parole, ma ti confesserò una cosa: ho scritto questo post nel pieno dell'influenza che mi ha fatto compagnia in queste vacanze....e forse la febbre o le medicine mi hanno ispirato...
A parte questo, sono felicissima anch'io delle tante amicizie reali nate da questi angoletti virtuali che sono i nostri blog e spero che continuino!
Auguri di tutto cuore, carissima, e grazie!!!

Gus O. Orsini ha detto...

Annamaria, è un post che vale la pena di leggere, ammirare e ascoltare.
Ciao.

Annamaria ha detto...

Ciao, Gus! Grazie del tuo apprezzamento e benvenuto qui!